I luoghi più suggestivi di Roma


Piazza di Spagna Piazza di Spagna, con la scalinata di Trinità dei Monti e la fontana del Bernini, è una delle più famose piazze di Roma. Deve il suo nome al palazzo di Spagna, sede dell'ambasciata dello stato iberico presso la Santa Sede.

Posizionata ai piedi della collina del Pincio, a soli 600 mt circa a piedi dall'Hotel Julia, Piazza di Spagna ha da sempre rappresentato il centro della vita culturale e turistica della città di Roma.

Piazza di Spagna Al centro della piazza vi è la famosa fontana della Barcaccia, che risale al primo periodo barocco, scolpita da Pietro Bernini e da suo figlio, il più celebre Gian Lorenzo Bernini. Probabilmente è stata ispirata da una barca che si è arenata nella stesso luogo dove oggi troviamo la fontana, a causa dell'alluvione e del conseguente straripamento del Tevere del 1598.

All'angolo destro della scalinata vi è la casa del poeta inglese John Keats, che vi visse e morì nel 1821, oggi trasformata in un museo dedicato alla sua memoria e a quella dell'amico Percy Bysshe Shelley, piena di libri e memorabilia del Romanticismo inglese. All'angolo sinistro c'è, invece, la sala da tè Babington's fondata nel 1893.

Dal lato di via Frattina sorge il Palazzo di Propaganda Fide, di proprietà della Santa Sede. Di fronte alla sua facciata, progettata dal Bernini (mentre la facciata laterale è invece del Borromini), svetta la colonna dell'Immacolata Concezione, che fu innalzata due anni dopo la proclamazione del dogma (1856).

La monumentale scalinata di 135 gradini fu inaugurata da papa Benedetto XIII in occasione del Giubileo del 1725; essa venne realizzata (grazie a dei finanziamenti francesi del 1721-1725) per collegare l'ambasciata borbonica spagnola (a cui la piazza deve il nome) alla chiesa di Trinità dei Monti.

Piazza di Spagna Venne progettata sia da Alessandro Specchi che da Francesco De Sanctis dopo generazioni di lunghe ed accese discussioni su come il ripido pendio sul lato del Pincio dovesse essere urbanizzato per collegarlo alla chiesa.

La soluzione finale scelta fu quella di Francesco De Sanctis: una grande scalinata decorata da numerose terrazze-giardino, che in primavera ed estate viene addobbata splendidamente con molti fiori.

La sontuosa, aristocratica scalinata, posta all'apice di un lungo asse viario che portava al Tevere, fu disegnata in modo che avvicinandosi gli effetti scenici aumentassero man mano. Tipico della grande architettura barocca era infatti la creazione di lunghe, profonde prospettive culminanti con quinte o sfondi a carattere monumentale. La scalinata è stata restaurata nel 1995.

Trinità dei Monti è una delle chiese più belle e più importanti di Roma. Si trova nel rione Campo Marzio e si affaccia sulla scalinata di Piazza di Spagna.

La costruzione della chiesa iniziò nel 1502 su progetto di Carlo Maderno, per volere del re di Francia Luigi XII e si concluse nel 1519. La facciata con i due campanili simmetrici laterali in stile gotico (1584) è opera di Carlo Maderno e di Giacomo Della Porta e testimonia l'influenza francese di quel periodo. L'interno è composto da una sola grande navata con cappelle laterali ed è diviso in due parti da una cancellata. Subito innanzi alla chiesa Papa Pio VI fece collocare nel 1789 l'obelisco Sallustiano, che separa la chiesa di Trinità di Monti dalla Scalinata di Piazza di Spagna.

Piazza di Spagna e le nostre strutture sulla mappa

Hotel Julia, Domus Julia e Julia Guesthouse distano 600 mt circa a piedi da Piazza di Spagna.


Visualizzazione ingrandita della mappa